Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

AUDIZIONI EURASIA ON TOUR NELLA REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO 2024

Le Audizioni EurAsia On Tour nella Repubblica Democratica del Congo sono organizzate da EurAsia Dance Project International Network, diretto da Stefano Fardelli, e sostenute dall’Ambasciata d’Italia a Kinshasa.
Durante il tour EurAsia Auditions, Stefano Fardelli selezionerà gli studenti di danza contemporanea e urbana da inserire in un programma professionale, con un diploma riconosciuto a livello internazionale, presso la DanceHaus Accademia Susanna Beltrami (Italia), la Contemporary Dance School Hamburg (Germania), la DanceHaus Hip Hop Department Academy (Italia), la Tanzakademie Balance1 (Germania), in Europa.
Tutti i vincitori dell’audizione riceveranno una borsa di studio EurAsia del 25% – 50% – 80% per i tre anni di formazione professionale e faranno parte del network come studenti EurAsia inizialmente e come ballerini professionisti dopo il conseguimento del diploma.
Il valore complessivo delle borse di studio, che verranno portate nella Repubblica Democratica del Congo nell’aprile 2024, ammonta a 200.000,00 euro: Stefano Fardelli non è obbligato a consegnare tutte le borse di studio, ma premierà solo gli studenti pronti per questa opportunità fino al raggiungimento dell’importo massimo sopra indicato.

INIZIA IL TUO PERCORSO PROFESSIONALE CON EURASIA

UNISCITI A NOI : www.eurasiadanceproject.com WhatsApp : +39 3394424771

INFO : eurasia@eurasiadanceproject.com

RESTA CONNESSO registrati alla newsletter gratuita cliccando qui : http://eepurl.com/dApwNP

AUDIZIONI : Centre Wallonie Bruxelles il 3 e 4 aprile 2024, dalle 8:30 alle 13:30.

SPETTACOLI DI DANZA : Centre Wallonie Bruxelles il 5 aprile 2024, dalle 19:00

 

OMMANIPADMEHUM di Stefano Fardelli, che fa parte dell’EurAsia Directory. Il pezzo è ballato da E.D.C. – Compagnia di Danza EurAsia.

Lo spettacolo sarà preceduto da una conferenza stampa e dalla presentazione della tournée del network internazionale EurAsia Dance Project nella Repubblica Democratica del Congo.
La tournée nella Repubblica Democratica del Congo è organizzata da EurAsia Dance Project International Network in collaborazione con il partner EurAsia DANCEHAUSpiú di Milano, con il supporto dell’Ambasciata d’Italia a Kinshasa.
OM-MANI-PADME-HUM, che significa letteralmente “onorare il gioiello di loto” in sanscrito, si concentra sulla storia e sui rituali dei buddisti tibetani dell’ordine dei Cappelli Gialli, in particolare sui loro legami con i monaci di Shaolin e quindi sullo studio dei la loro formazione. L’idea per questo nuovo progetto nasce dalla necessità di continuare l’esplorazione e l’approfondimento della connessione tra spiritualità e rito attraverso il movimento, già iniziata con il precedente solista NAMU: la parola sanscrita namu – o namas – significa “devozione”.

Durante tutto il periodo creativo, i ballerini della compagnia si sono formati con i monaci Shaolin, studiandone le tecniche di meditazione e di combattimento. Il passo successivo è consistito nel tradurre, attraverso “codice contemporaneo”, le loro sequenze e movimenti collocandoli nello spazio e rendendoli astratti, conservandone così l’essenza e rendendoli funzionali alla messa in scena. Lo stesso procedimento è stato seguito per la creazione dei costumi e delle atmosfere dello spettacolo.
Gli incontri con monaci buddisti e studenti di arti marziali, lo studio delle loro pratiche e delle loro cerimonie sono alla base della coreografia. Quando suona la campana, il rito ha inizio, i danzatori entrano in quello che potrebbe essere un tempio e ci trasportano in un’altra dimensione e in un altro luogo, accompagnati dalla musica originale di Francesco Ziello.
I cappelli, i mantelli, il sole, simbolo del divino, e l’oro dei templi sono spesso resi astratti da un igienizzato uso architettonico dello spazio e da musiche d’archi o orchestrali che creano contrasti tra le immagini orientali e le sonorità occidentali.
Insomma, un cast multiculturale che traduce i movimenti dei monaci Shaolin con diverse sfumature che rivelano le origini dei vari ballerini e quindi una qualità di movimento legata alle danze tradizionali degli interpreti che influenzano e danno carattere all’intero pezzo.

COREOGRAFIA : Stefano Fardelli

BALLERINI : Jesus Rea (Bolivia), Marco Hernandez (Messico)

MUSICA ORIGINALE : Francesco Ziello

MUSICA : 10 Preludi Op. 23 di Serjei Rachmaninoff, Concerto per violoncello e archi di Dobrinka Tabakova, Il clavicembalo ben temperato Libro 1 di Jean-Sébastien Bach, Paths So Different di Dobrinka Tabakova

COSTUMISTA : Marco Hernandez | Dalla Croce

VIDEOGRAFO : Salvatore Lazzaro

ARTISTA VISIVO : Matteo Bittante

FOTOGRAFIA : Salvatore Lazzaro e Antonino Dimondo

 

SVARUPA & VYAKTA di Stefano Fardelli, fa parte dell’EurAsia Directory.
Il pezzo è ballato da E.D.C. – Compagnia di Danza EurAsia.

Lo spettacolo sarà preceduto alle ore 18:00 da una conferenza stampa di presentazione del tour internazionale del network EurAsia Dance Project nella Repubblica Democratica del Congo organizzato da EurAsia Dance Project International Network in collaborazione con il partner EurAsia DANCEHAUSpiú’ di Milano, Italia, e con il sostegno dell’Ambasciata italiana a Kinshasa.
Svarupa – vyakta è un assolo ispirato ad un viaggio in India e significa “Sé” in sanscrito in due modi diversi, così come sarà la dialettica che si crea tra i ballerini e il corpo cinque palloncini, che rappresentano la proiezione del “Sé” in un’altra dimensione.
Il duo verrà presentato nella seconda parte della serata, dopo la première di OMMANIPADMEHUM.
Svarupa-vyakta è un brano storico del repertorio di Stefano Fardelli, un assolo di grande successo che ha girato il mondo tra il 2014 e il 2019, ballato dallo stesso Stefano Fardelli, e che viene nuovamente messo in scena in duetto, con il nuovo titolo Svarupa & Vyakta.

BALLERINI : Marco Hernandez (Messico), Jesus Rea (Bolivia).