Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

CONCERTO “LA GRANDE OPERA ITALIANA PATRIMONIO DELL’UMANITÀ” (VERONA, 7 GIUGNO)

opera7giugno

Si segnala che venerdì 7 giugno, l’Italia celebrerà la recente iscrizione dell’Arte del Canto Lirico nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’UNESCO con un evento speciale all’Arena di Verona.

Il concerto “La Grande Opera Italiana Patrimonio dell’Umanità”, realizzato dal Ministero della Cultura in collaborazione con la fondazione Arena di Verona e RAI, riunirà sullo stesso palcoscenico alcuni tra i migliori interpreti internazionali dell’Opera.

Saranno accompagnati da una grande orchestra composta da 160 elementi e un coro di 300 artisti, provenienti dalle fondazioni lirico-sinfoniche italiane, con la partecipazione straordinaria del Maestro Riccardo Muti. Il programma ripercorrerà alcune delle pagine più note della produzione operistica.

Lo spettacolo sarà accompagnato da una esibizione di un’altra eccellenza italiana, la danza, con le stelle Roberto Bolle e Nicoletta Manni.

A introdurre il grande pubblico all’eccezionale patrimonio dell’Opera saranno tre diversi narratori, Alberto Angela, Cristiana Capotondi e Luca Zingaretti, che si muoveranno dietro le quinte del set monumentale dell’Arena, un gioiello architettonico di epoca romana, che ogni estate dal 1923 ospita spettacoli operistici.

Sono stati invitati ad assistere al concerto i Capi delle Rappresentanze diplomatiche straniere accreditati presso il Quirinale e i delegati degli Stati membri del Comitato del Patrimonio Culturale Immateriale dell’UNESCO, per veicolare il messaggio che il canto lirico, una delle più riconosciute espressioni della cultura italiana, è diventato patrimonio comune dell’umanità.

L’evento sarà trasmesso in diretta in mondovisione su Rai 1 dalle 20.35 del 7 giugno. RAI Italia lo distribuirà sul proprio canale nei Paesi in cui trasmette. Per l’occasione il segnale di RAIPLAY non sarà geo-bloccato in tutto il mondo.

  • Le emittenti televisive straniere potranno trasmettere un passaggio dell’evento entro sette giorni dalla diretta del 7 giugno, tenendo conto di questi criteri:
    tutte le emittenti appartenenti al circuito EBU (all.2) potranno liberamente mandare in onda il segnale internazionale dell’evento, con conduzione e sottotitoli italiani.
  • per le emittenti interessate che non appartengono al circuito EBU è prevista la possibilità, attraverso la distribuzione internazionale, di ricevere il segnale completo di Rai 1 con conduzione, rivolgendosi ai seguenti indirizzi di posta elettronica: internationalprod@rai.it e lucia.colafrancesco@rai.it.