Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Diplomazia economica

Il trend del nostro interscambio commerciale con la RDC è altalenante. Nel 2020 si è registrato un decremento sia delle nostre esportazioni, scese a 37,7 milioni di euro (-40,7%), che delle importazioni, scese a 246,5 milioni di euro (-4,5%). Nei primi 7 mesi del 2021 le esportazioni italiane in RDC sono state pari a 22,4 milioni di euro (-3,2% rispetto al periodo corrispondente del 2020) mentre le importazioni si sono at-testate a 257,1 milioni di euro (+96,5% sul 2020), con un saldo commerciale negativo per l’Italia (-234,7 milioni di euro). Nel 2021 l’interscambio complessivo bilaterale, pari a 447,6 milioni di euro, ha registrato un incremento del 57,4%, dovuto in particolar modo all’aumento del flusso del nostro import che si è atte-stato a 411,2 milioni di euro (+66,8% rispetto al 2020). Le nostre esportazioni, pari a 36,4 milioni di euro sono diminuite rispetto al 2020 del 3,8%. Il saldo commerciale, come di consueto, è stato negativo per l’Italia, pari a 374,9 milioni di euro. Nel 2020 il nostro Paese si è classificato al 32mo posto tra i Paesi for-nitori con una quota di mercato dello 0,5% e al 22mo tra i Paesi clienti della Repubblica Democratica del Congo con una quota di mercato pari allo 0,5%. Nel 2020 i nostri maggiori competitors per quanto concerne le quote di mercato dell’export sono stati Francia (1,92%), Regno Unito (0,95%), Spagna (0,77%), Germania (0,64%).

Le esportazioni italiane sono costituite prevalentemente da macchine per impieghi speciali e per impiego generale, prodotti di attività editoriali, prodotti in metallo, articoli di abbigliamento e prodotti a base di carne. Le importazioni italiane, invece, sono per il 98,8% costituite da metalli di base preziosi e altri metalli non ferrosi (rame) e prodotti di colture permanenti.

I settori che potrebbero potenzialmente interessare gli imprenditori italiani sono quelli delle infrastrutture, dell’agroindustria, dell’arredamento, del legname, della costruzione di centrali elettriche, della moda e dell’edilizia.

Nel Paese operano diverse imprese italiane.